nea-polis@nea-polis.org

Nea Polis

RENZI VERSO L’ASSOLUTO DELL’INDECENZA

matteo_renzi_in_russia-jpeg

«Nessun assoluto ha mai abitato vicino alla verità», dice Zarathustra (Cosí parlò Zarathustra), cioè nessuna asserzione, entità, “cosa” può essere posta e intesa come assoluta. Concetto vero e profondo, ma, nell’avvicinarsi del referendum del 4 dicembre, Renzi sta andando a costituire una straordinaria eccezione in fatto balle: all’assoluto dell’indecenza si approssima parecchio. Balle renziane – ri-spappagallate da quelle facce di cu…oio e bamboccie starnazzanti che sono i suoi supporter –, balle che negano l’evidenza e si contraddicono in maniera schizofrenica. Quattro recenti “fior di balle” renziane:

  1. 1. “batto il pugno in Europa” [chiariamo: è l’Unione anti-europea] e “minaccio il veto sul bilancio se non accetta il piano italiano” – che cosa? Ma la «flessibilità» sul piano di bilancio italico presentato dalla gestione-Renzi (dire «governo» è troppo), e piú «flessibilità» in generale, era già scontata – e “se l’Ue non redistribuisce i migranti” – che cosa? Ma i paesi dell’Est non se li “ridistribuiranno” per niente, ma Germania, Austria, Francia hanno deciso che cosa fare e non lo muteranno, e cosí la Spagna. E Renzi (cum banda) ha sempre votato tutte le disposizioni Ue, comprese le peggiori. Balle, solo balle: per dar a intendere ai babbei, i tanti che sono per “l’Unione europea sí, ma cambiandola” (per quelli piddini non ce n’è bisogno: i piú sono già imbambolati), che “si fa la voce grossa nell’Ue”, in modo di persuaderli a votare «sí».
    2. “W i nostri italiani all’estero”, il loro diritto a esprimersi: perciò “vanno favoriti e informati correttamente” – come no! Inviando loro, a spese comunque nostre (anche se si dice “con fondi del Pd), la propaganda per il «sí» (con promesse varie, oltre a quanto già starnazzato dalla Boschi nel suo tour in Argentina) insieme alla scheda elettorale … Correttezza, informazione, amore per i nostri connazionali … Balle, solo balle: si vuole solo raccattare voti per il «sí» in qualsiasi modo illegalità quasi-annunciata – chi assicurerà la validità e la realtà dei voti per posta? (Stimati in circa 4 milioni.)
    3.  “Chi vota «no» vuole la casta”, chi invece la vuole spazzare via … – che cosa? Ma che casta peggiore ci può essere dei nominati? Sia quelli di un “papocchio” senatorio (con tanto di immunità), tratti dal peggio della «classe politica», Consigli regionali e Comuni, sia quelli di una maggioranza parlamentare di altri nominati, portati lí dal «combinato disposto» con una legge elettorale (l’Italicum), che (come il Porcellum) dà la maggioranza assoluta a chi manipola e raccatta il 20-25% dei voti effettivi. Balle, solo balle: per agganciare il diffuso discredito su politici e «classe politica», dando a intendere che non ci saranno piú con la “schiforma” renziana, che invece pone precisamente le basi dell’opposto! Peggio dei ciarlatani che vendevano l’elisir di lunga vita nelle fiere di paese, pur di raccattare voti per il «sí».
    4.  “Anche tanti 5S voteranno «sí»”, “contro successi come quello di Trump bisogna votare «sí»”, “sbagliano i sondaggi che danno il «sí» in svantaggio, non colgono la volontà degli elettori, come dimostra la vittoria di Trump” – che cosa? Che i 5S votino «sí» è solo un’assurdità; gli elettori di Trump sono stati (lo si voglia o no) lavoratori, contadini, classi subalterne, stufi del “sistema” in atto negli Usa, mentre chi vota «sí» in Italia vuole mantenere per anni e anni ancora Renzi & banda e il “sistema” da loro gestito; i sondaggi colgono quanto vogliono i sostenitori dello status quo come i supporter renziani – ed è perciò che è già significativo che li diano in svantaggio –, ma non riescono a cogliere l’ostilità dei subordinati, dei subalterni, dei vessati, del popolo. Balle, solo balle: per attaccare (scioccamente) i 5S; per strumentalizzare i frutti della campagna anti-Trump dei media italici (come se si fosse votato anche in Italia per la presidenza Usa …) e le reazioni sconcertate di isterismo psicotico (indotto) dei tanti che non hanno capito niente dell’evento-Trump negli Usa; per rincuorare i “suoi” e spingerli a darsi ancor piú “da fare” per il «sí» – per raccattare voti per il «sí» Renzi si attaccherebbe “alle funi del cielo”.

    Queste balle renziane sono tanto offensive dell’intelligenza degli italiani che Renzi, i suoi loschi figuri e le sue bamboccie, i suoi piddini e i suoi alleati (avere come tali Alfano, Verdini, & Co. è già vergognoso), non la spunteranno. È questo il vero cambiamento – non l’attentato renziano volto a imporre un sistema dirigistico e autoritario – e con il «no» Renzi & banda andranno alla fine della loro carriera e presenza politica.

MM

Immagine in evidenza: Kremlin.ru [CC BY 4.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0)], via Wikimedia Commons

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *