Nea Polis

Tutto è chiaro

Immagine da Pixabay.com

Tutto è chiaro – infine, anche per chi si ostina a chiudere gli occhi e trovare giustificazioni.
I capi, governanti, eletti del M5S non hanno un’analisi scientifica (teoria) dello “stato FI cose presente” (analisi necessariamente critica, perché “non va” in nessun senso), cioè del capitalismo, del suo Stato, della sua tecnologia, dell’ideologia operativa a essi più acconcia che è il liberalismo, quindi non hanno un progetto di trasformazione e dunque non hanno strategia e tattica conseguenti. Aderiscono a “ciò che c’è” pensando che il “cambiamento” consista nel “fare le cose” con onestà e correttezza, e con “pezze” messe qui e là, credendo che … poi andrà bene. Conseguenze: si sta nell’Ue-€ ma migliorandoli, si sta nel capitalismo (non lo si sa: si crede sia l’ Economia in sé) ma adattandolo, si è per l’immigrazione ma regolandola, si è per la trasformazione civile (per il LGBT+QI) ma calmamente, si dà reddito e pensione di cittadinanza ma non esagerando (misure striminzite), si vuole il salario minimo ma non troppo meno minimo, e così via. Fino a votare la Von Der Leyen (il peggio del peggio) e dare motivazioni risibili (e offensive dell’intelligenza), a strizzare un occhio o anche due a piddini e sinistronzi su immigrazione e “integrazione”, l’Appendino va al gay pride e viene premiata e, insieme alla Raggi, fa registrare illegalmente (qui niente correttezza) come sposi coppie omosessuali e adozioni di figli in utero in affitto, etc. Capi, governanti, eletti 5S si mostrano per quello che sono: una variante del liberalismo.
Ma hanno raccolto la spinta popolare contro ” lo stato di cose presente”, ha posto premesse e fatto promesse di vero e profondo “cambiamento”, e poi, in coerenza con il fatto di essere una variante del liberalismo, hanno solo usato tale spinta nel e per il sistema. Hanno ingannato attivisti, simpatizzanti, elettori: hanno ingannato il popolo. E dunque l’hanno tradito.
Ora, dato la rapida caduta dei consensi e la ben prevedibile successiva, stanno al governo minacciando Salvini-Lega di poterne fare un altro con il Pd e altri sinistronzi; grazie a Mattarella e ai numeri che ci sarebbero – se gli eletti sono compatti (non sicuro ma prevedibile: la prebenda interessa, ovviamente in nome della ” responsabilità ” verso … se stessi).
In tal modo stanno consegnando il futuro governo a Salvini & Meloni & altri destronzi (la stesso accredito della balla colossale dei “soldi russi” alla Lega da parte dei 5S va in questa direzione).
E allora? Allora i capi, governanti, eletti 5S vanno considerati degittimati, e per salvaguardare il movimento popolare bisogna procedere in superiore direzione: o andare ad “altro” e “oltre”, o morte. Questa è la situazione. Chiara come il sole.

MM

2 Commenti

  1. franco rogai

    E… si anche questi DIRIGENTI 5s stanno in quel che c’è e…. la storia si ripete, e pare che gli italiani non abbiano memoria e tutte le volte che arrivano ad averne le palle piene di ciò che c’è sono pronti al cambiamento e quindi a passare da ciò che c’è a…..ciò che c’è.
    Dunque, il problema è che non c’è un movimento popolare coscente , con la schiena dritta , che
    sà cosa vuole, viceversa non avrebbe preso tale abbaglio…., ma possiamo anche ipotizzare che nel fondo dell’animo popolare non ci sia tutto questo desiderio di cambiamento e che tutto sommato gli va bene ciò che c’è.
    Comunque stiano le cose si potranno verificare a breve gli umori e il livello di coscenza popolare e di critica nei confronti dei dirigenti 5s che ormai si sono cacciati in un imbuto che li porterà dritti o fra le braccia del pd o alla disfatta, allora vedremo se quel movimento avrà coscenza e alzerà la testa per delegittimare i capi 5s. FR

    Replica
  2. franco

    Bene, visto che nessuno commenta al mio commento, evidentemente certo della propria verità assoluta, dico: a che cazzo serve questo sito; solo ai detentori di una verità?
    E che cosa significa, che c’è un unico senso di marcia? o di comunicazipone ? e quindi al pari dei soliti sensi del presente 5s o del più passato pd?
    complimenti ! vediamo se qualcuno ha voglia o pensa sia giusto un confronto… viceversa si confermerà l’inutilità di un sito utile alla dialettica democratica…. si fa per dire.
    cari saluti FR.

    Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.